Pensare globale, agire locale!

Un’attitudine che oggi più che mai è necessaria a livello ambientale! Tutti noi sappiamo che il problema ambientale esiste, chi lo nega o non è ancora arrivato nel 2019 o non vuole accettare l’ovvia realtà. La questione ambientale non è una questione di Destra o di Sinistra, bensì una questione di società che va affrontata per rispetto per noi stessi, per le generazioni future, per le nostre Terre e per il mondo intero. Cosa va fatto quindi? Proprio questo: pensare globale, agire locale! È evidente che un singolo provvedimento non sarà la soluzione al riscaldamento globale, al continuo inquinamento della terra e allo sfruttamento irresponsabile delle risorse. Ma è la somma a fare la differenza. Tante piccole azioni locali che contribuiscono a un grande progetto globale, come le singole gocce d’acque che formano un oceano. Ridurre lo spreco, il consumo delle risorse, la produzione di rifiuti, riciclare il più possibile sono azioni attuabili da parte di ognuno di noi e non esistono scuse per sottrarsi alla propria responsabilità. Ognuno può e deve dare il suo meglio, a partire da oggi. È vietato pensare che le nostre azioni quotidiane non servano a nulla finché le grandi imprese e le grandi na- zioni non facciano la loro parte. Infatti, più la popolazione mostra quanto sia importante cambiare rotta più la politica seguirà e agirà, sia per una presa di coscienza stessa sia per mera questione elettorale. Il potenziamento delle energie rinnovabili, della produzione locale e sostenibile, la riduzione delle emissioni e tanto altro ancora non devono essere priorità del futuro, bensì del presente! Mostriamo che vogliamo un cambiamento di rotta e partecipiamo tutti assieme sabato 2 febbraio alla manifestazione per il clima, a Bellinzona o nel resto della Svizzera.

Articolo di Lydia Joray apparso su La Regione il 30 gennaio 2019

Lascia un commento