Sovranità alimentare: Il diritto di scegliere

Di Barbara Sala

Il motto di Slow Food esprime con forza e vigore il concetto che questa iniziativa intende promuovere: il cibo deve essere “buono, pulito e giusto”.

Buono da una parte significa che una determinata derrata ci piace, ma dall’altra significa gustoso. Un esempio pratico: a qualcuno potrebbe non piacere la cipolla, ma quest’ultima potrebbe avere un gusto assai buono, nel senso che ha delle qualità organolettiche particolari, che possono piacere o meno.

Pulito in questo caso vuole dire che il prodotto è stato coltivato a kilometro zero, evitando pesticidi e OGM. I pesticidi sono molto pericolosi per la salute umana, quindi andrebbero usati in maniera parsimoniosa e solo quando veramente necessari, in quanto non solo si avvelenano i consumatori, ma anche l’intero ecosistema. Per quanto riguarda gli OGM non si hanno ancora veri e propri studi in merito, ma negli Stati Uniti i pediatri si sono resi conto che i bambini che consumavano derrate alimentari contenenti gli organismi transgenici hanno più probabilità di sviluppare allergie e intolleranze differenti.

L’ideale sarebbe un’agricoltura biologica/biodinamica non intensiva, rispettosa del territorio locale e delle varietà tipiche di un certo luogo, in quanto queste varietà e specie resistono meglio all’ecosistema indigeno.

Giusto vuole dire che le persone che lavorano nel settore devono avere un salario equo e giusto.

Questi concetti possono aiutarci a porci delle domande: cosa vogliamo mangiare in futuro? Vogliamo continuare ad aiutare i super manager di grosse aziende a guadagnare miliardi sulle nostre spalle, devastando il nostro ambiente e inquinando il nostro cibo, sfruttando i lavoratori? O preferiamo sostenere il piccolo produttore, che magari possiede qualche ettaro di terreno nel nostro comune, che magari stenta ad arrivare a fine mese?

Lascia un commento